Albatros Top Boat naviga in Mar Rosso

pubblicato in: News | 0

L’Egitto meta turistica per eccellenza di  milioni di vacanzieri da tutto il mondo, ha conosciuto dal 2011 un periodo di crisi senza precedenti nella, indubbiamente lunga, storia egiziana.

mar rosso

Da meta ambita da subacquei e non come il paradiso sopra e sotto le acque, è entrato a far parte dei peggiori incubi, appartenenti all’immaginario collettivo del viaggio “a rischio”. La stessa Farnesina ha più’ volte negli ultimi anni “sconsigliato”  l’Egitto come meta di villeggiatura.

Quindi Italiani in testa e tutta l Europa a seguire e poi anche Russia e resto del mondo  hanno lentamente, ma inesorabilmente, disertato questa irrinunciabile meta, che ha da sempre rappresentato, insieme terra di mistero bellezza ed avventura.. L’Egitto poteva contare su un flusso medio di 14 milioni di turisti all’anno, rappresentanti circa il 13% del PIL nazionale. La sola Russia serviva 4 milioni di turisti annui per lo più’ clienti di resort. A sancire il vero inizio della crisi egiziana e certamente stato il movimento rivoluzionario di piazza Tahrir nel 2011 con questo il settore è entrato in una fase di profonda crisi. E da allora solo da 2017 si può dire in reale ripresa. Cosa possiamo dire oggi dell’Egitto e più in particolare delle mete che interessano il turismo subacqueo da sempre affezionato alla bellezza unica e magica dei fondali del mar Rosso. Una risposta è certa, il turismo è tornato, dapprima lentamente oggi sta nuovamente riempendo le liste dei voli e le prenotazioni in resorts e crociere non mancano.

Quindi bene per il Mar Rosso, ma dopo questo periodo di “ fermo biologico” del turista subacqueo cosa e’ accaduto ai fondali alla vita sottomarina? Facile da intuire, è tutto tornato ad essere come anni fa uno splendente acquario sommerso, vivo e palpitante di colori come ricordavo nei miei viaggi di ormai quasi 20 anni fa. I coralli sono più colorati che mai la vita sommersa è ricchissima e le avventure all’ avvistamento di specie rare sono cose oggi assicurate. biondi semaforo verde alle immersioni in mar Rosso, e si ricomincia con un’altra avventura per poter tornare da questo paradiso incantato con il cuore e gli occhi stracolmi di bellezza. Buon divertimento quindi a chi sceglierà di reimmergersi od immergersi per le prime volte in Mar Rosso divertimento e stupore, assicurati.

Articolo completo su Scubazone 44

Lascia una risposta


*