Aqua Lung, Gav Rouge – Muta Bali 3 mm. Test sul campo

pubblicato in: News | 0

In occasione di un recente viaggio alle Maldive, per un workshop teorico-pratico sui pesci marini tropicali, identificazione ed ecologia, tenuto al MaRHE Center, Magoodhoo Island in collaborazione con l’Università di Milano Bicocca, ho avuto occasione di sottoporre alcune attrezzature per immersione a un test prolungato, durante molte immersioni. Di seguito le mie opinioni.

 

Il test dell’innovativo GAV Rogue inizia quando apro la confezione e ne estraggo i pezzi per assemblarlo. Si tratta di un GAV minimalista ma mi rendo conto immediatamente di alcune caratteristiche uniche che ne faranno un prezioso compagno di immersione. Spallacci e cinturone ventrale si montano in pochi minuti, il sistema è facile, immediato e intuitivo e dà subito un’idea di robustezza, sebbene il peso sia molto contenuto, di soli 2.2 kg per il GAV intero.

La piastra dorsale è sostituita da uno schienalino morbido preformato, molto confortevole ed efficace nel tenere il GAV in posizione, con l’aiuto di un ottimo cinturone ventrale e di un cinghiolo sternale regolabile.

Ed eccomi sul campo. Una fascia posteriore con fibbia in acciaio a prova di scemo (quasi impossibile pizzicarsi le dita), dopo la prima regolazione si rivela molto efficiente nel tenere in posizione la bombola di alluminio. La tasca per i pesi è ottimamente posizionata in verticale sulle reni, i pesi si inseriscono facilmente in apposite tasche, che vanno in posizione con uno scatto ben udibile anche col motore della barca acceso e non si muovono più.

articolo completo su scubazone 45

Lascia una risposta


*