#Divelocal: la nuova dimensione della subacquea locale

pubblicato in: News | 0

C’è qualcosa di nuovo, organico ed entusiasmante nel mondo subacqueo, che è nato in risposta alla pandemia da Covid-19 ed è probabilmente generato dalla nostra innata predisposizione all’esplorazione. Parlo, naturalmente, del crescente movimento che sta rimettendo al centro le immersioni locali e la riscoperta dei siti più vicini a noi, che si tratti di bacini d’acqua, fiumi, laghi, spiagge o grotte sommerse.

scubazone 56

“Non è necessario viaggiare per vivere un’avventura”, spiega Cristian Pellegrini, direttore marketing di DAN Europe. “Se non ci sono le condizioni per viaggiare in sicurezza, concentrati sulle immersioni locali. Il team DAN sarà sempre con te, anche lì”.

Questo nuovo focus sulle immersioni locali è la spinta della quale abbiamo bisogno per aiutare e sostenere il nostro amato sport in tempi complicati. E’ anche, per ognuno di noi subacquei, un’opportunità di crescita e pesino l’occasione di riscoprire le nostre radici. Dopotutto, è così che è iniziata l’immersione ricreativa!

Il giorno in cui la subacquea si fermò

È ormai passato oltre un anno da quando la pandemia ha iniziato a diffondersi sul pianeta oceano, bloccando gran parte dei Paesi, mettendo sottosopra vite e aziende.

Attualmente il virus è ancora presente in molte aree del mondo, e gli analisti ipotizzano che i problemi relativi ai viaggi internazionali – avete controllato le tariffe aeree ultimamente? – continueranno ancora per molto, forse per anni. Forse le nostre aspettative iniziali, quando ipotizzavamo che la pandemia sarebbe finita con l’estate 2020, erano fin troppo ottimistiche.

Tra le altre cose, la pandemia ha dimostrato in modo drammatico quanto la nostra vita e cultura come subacquei siano strettamente legate ai viaggi, sia nazionali che internazionali. Che si tratti di seguire corsi, frequentare eventi, fotografare la vita marina o prenotare una vacanza in liveaboard o verso una destinazione esotica, fino alla pandemia una buona immersione per noi significava salire su un aereo, il più delle volte diretti verso un territorio straniero.

Trovi l’articolo completo su ScubaZone 56

Lascia una risposta


*