Head-Mares-SSI , la subacquea made in Italy cresce nel mondo

pubblicato in: featured, News | 0

Una delle più importanti novità della 22a edizione dell’Eudi Show, fiera della subacquea svoltasi a Bologna dal 14 al 17 Marzo, è stata indubbiamente la presentazione di SSI da parte di Head, multinazionale già proprietaria di Mares, che ha acquisito SSI a fine anno 2013. Un’operazione finanziaria e strategica su scala ‘mondiale’ che ha naturalmente impattato anche sull’Italia dove si trova il quartier generale di Mares e dove SSI è molto attiva.
La nuova organizzazione verrà gestita dalla sede di Rapallo da dove si coordineranno i lavori per tutta l’EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) con nuovi manager e collaboratori. Il resto del mondo verrà gestito da altre filiali in Asia e in America.

Lo scenario è dinamico e interessante con SSI che si è rivelata una delle agenzie didattiche maggiormente in crescita nel mondo. Sempre più Dive Center e Resort si rivolgono a questa agenzia per la professionalità e l’altissima qualità del materiale didattico, nonché per l’alto livello dei servizi che facilitano lo sviluppo del business.
In questo caso dietro all’acquisizione non ci sarà una fusione ‘societaria’ ma le due realtà continueranno a lavorare in autonomia e libertà, assicurata da parte del top management anche ai partner di entrambe le aziende.

Molte delle imprese che hanno effettuato operazioni di acquisizioni hanno ottenuto sinergie totali positive: che HEAD abbia deciso di investire ancora una volta nella subacquea è sicuramente un segnale molto positivo e l’esperienza, le risorse e le competenze decennali nel settore sportivo ne caratterizzano il successo che si consolida anche con questa operazione. SSI a livello mondo si trova ora alle spalle un colosso importante come Head che vede così aumentare in modo significativo l’importanza della subacquea all’interno del gruppo dove Mares pesa circa il 15% su un fatturato complessivo di 350 milioni di Euro ai quali si aggiungeranno i valori di SSI.
Se di ottimismo c’è sempre molto bisogno questa notizia aiuterà a muoversi in questa direzione tutto il settore collegato alla subacquea.

mares ssi

mares ssi

Lascia una risposta


*