Il colore nel mare. I vestiti dei pesci

pubblicato in: News | 0

Chi si immerge e osserva con attenzione il mondo animale nel mondo sommerso, avrà notato certamente l’importanza dei colori, specialmente se impegnato in fotografia o ripresa video. Ma non è dell’importanza da un è punto di vista estetico che vi voglio parlare, bensì di quella biologica ed etologica, legata cioè alla vita stessa degli animali del mare.

DSC_4592a copia

Nei lunghi anni dedicati al Mediterraneo, non ho potuto fare a meno di restare affascinato dal colore delle diverse specie di invertebrati e pesci, tanto da decidere di analizzarle e studiarle nel dettaglio attraverso l’osservazione in natura e la ripresa fotografica. In questo primo articolo, dedicato al colore nel mare, voglio parlarvi dei “vestiti dei pesci”, ossia le particolari livree dei pesci del Mediterraneo, molto interessanti da diversi punti di vista perché cangianti in funzione dell’ora del giorno, in funzione del sesso e/o dell’età del pesce e ancora in funzione dello stato emotivo e delle necessità di comportamento.

Argomento affascinante e di cui si potrebbe parlare a lungo. Ma andiamo per gradi e cerchiamo di tirare le fila delle diverse esperienze cercando di capire in pochi passi come funziona il tutto. La sorprendente varietà di livree (disegni e colori) riscontrabili nel mondo dei pesci è dovuta a meccanismi diversi secondo le specie che andiamo a considerare. In ogni caso, la colorazione è un fattore molto importante per ogni individuo, correlata sia all’ambiente che alle abitudini di vita. I pesci hanno occhi per guardarsi intorno, motivo per cui il colore determina una vasta gamma di relazioni e comportamenti. Si può assumere una determinata livrea durante la stagione degli amori, assumendo disegni più marcati e colori più accesi durante il corteggiamento a carico dei maschi, o anche assumere livree legate ad atteggiamenti utili ad allontanare nemici o nascondersi da potenziali pericoli.

Articolo completo su ScubaZone 59

Lascia una risposta


*