Il portfolio di Franco Tulli

pubblicato in: News | 0

Franco Tulli ha vissuto la sua infanzia, come molti altri ragazzi della sua età, nell’immaginario della conquista della Luna e dei viaggi nello Spazio. Così, negli anni, oltre a seguire l’evoluzione dell’informatica che è poi diventata la sua professione, ha coltivato la grande passione per i viaggi, alla scoperta di culture e mondi diversi, unita a quella per la fotografia e l’immagine in tutte le sue forme. Dopo aver frequentato alcuni corsi di fotografia all’Università Lateranense, agli inizi degli anni ‘90 ha iniziato la sua avventura subacquea con il conseguimento dei primi brevetti. Poteva così assaporare la sensazione di essere quasi in assenza di gravità, respirando aria od altre miscele da un apparato esterno per ammirare creature incredibili: il sogno del bambino si stava realizzando.

23 - 0I5A1484B x SZ copia

Da quel momento è passato poco tempo e sono arrivati i primi scatti con la mitica Nikonos III per raccontare e mostrare quello che i suoi occhi osservavano durante le immersioni effettuate in tanti mari e oceani di tutto il pianeta. Nel tempo ha continuato a frequentare numerosi corsi convinto che migliorare anche il lato tecnico della subacquea fosse una componente fondamentale per la riuscita di un buono scatto fotografico. L’obiettivo era creare immagini che emozionassero e mostrassero ad un pubblico possibilmente sempre più ampio le bellezze del mondo marino. Questo approccio alla fotografia subacquea gli ha portato negli anni prestigiosi riconoscimenti ottenendo importanti premi in numerosi concorsi internazionali come il “Best Picture of the Year” al “World Shootout”, il più ricco concorso al mondo dedicato alla fotografia subacquea, e il Wildlife Photographer of the Year evento promosso dall’Asian Geographic. Molti suoi scatti fotografici sono stati esposti in vari importanti festival e mostre in tutto il Mondo, tra cui luoghi straordinari come il palazzo delle Nazioni Unite a New York e la sede della Banca Popolare a Milano. Altre sono state pubblicate in testate prestigiose come Asian Diver, Asian Geographic, Australian Geographic, National Geographic USA, Magazine.

Articolo completo e foto su ScubaZone 62

Lascia una risposta


*