Immergersi la notte

pubblicato in: News | 0

In molti conoscono ed apprezzano le calde e assolate giornate in riva al mare, molti meno sono quelli che al calare del sole, quando anche gli ultimi bagnanti si apprestano alla rinfrescante doccia serale, si avvicinano al litorale, scaricano le loro ingombranti e pesanti attrezzature e quasi furtivamente scivolano fra le calde acque che sono state colpite incessantemente dai raggi solari per tutta la giornata.

scubazone 56

La preparazione è sempre il solito rituale; montaggio, controlli e verifica delle procedure di emergenza con un’attenzione particolare per le fonti luminose che i sub si portano in acqua che rivestono particolare importanza nelle immersioni notturne. La concentrazione è massima e i preparativi si susseguono. Il caldo e le zanzare inducono a fare presto.

L’ultimo sforzo per accedere all’acqua, il tuffo e inizia il “benessere” generale; il fresco relativo delle acque superficiali, la quiete del mare delle ore serali, il silenzio, sono tutte componenti che inducono al rilassamento.

Può essere rilassante un’immersione notturna?… in teoria no! anzi! Tutte le didattiche, individuano, a giusta ragione, l’immersione notturna come una ulteriore complicazione, in quanto la scarsa visibilità contribuisce ad aumentare lo stress dell’immersione.  Tutto ciò in teoria. In pratica per sub con una buona esperienza, queste possono diventare delle vere occasioni di rilassamento.

Personalmente preferisco immergermi la notte, in particolar modo nel periodo estivo.  Molto spesso mi chiedono perché di notte?! La risposta è in quanto detto precedentemente… la pace la tranquillità, il rilassamento totale e poi soprattutto la vitalità che si “scatena” negli abitanti dei fondali poco dopo il calare del sole. Anche i fondali più anonimi ed apparentemente desolati, si popolano di creature meravigliose; si assiste ad una vera e propria frenesia alimentare. Molte specie aspettano il calare delle tenebre per uscire dalle loro tane ed uscire per guadagnarsi il pasto serale. Tutto si muove, tutto è un frenetico rincorrersi….un susseguirsi di prede e predatori.

 

Trovi l’articolo completo su ScubaZone 56

Lascia una risposta


*