Istria diving tour

pubblicato in: News | 0

MOTONAVE VIS. La seconda immersione del Tour si svolge sul relitto del Vis Admiral Ship, un tempo denominata Galeb.

 

istria

La nave ammiraglia della flotta militare ai comandi del Maresciallo Tito, oggi è un museo in fondo al mare, destinazione dei visitatori subacquei già a partire dalla scorsa stagione. La Vis venne costruita nel cantiere navalmeccanico Scoglio Olivi di Pola nel 1956. Era lunga 58 metri e larga 8,7. Disponeva di due ampi saloni per le feste e 32 cabine per 52 posti letto. Era azionata da due motori diesel da mille cavalli di potenza. La nave fu panfilo di rappresentanza del presidente jugoslavo Tito che la utilizzava nei suoi viaggi di stato all’estero e per i suoi frequenti spostamenti in Adriatico, in particolare per recarsi nel suo rifugio nell’isola di Brioni.

Sul Galeb vennero intrattenuti numerosi uomini di Stato e molti personaggi famosi. Arsen Brajkovic, l’acquistò in Montenegro nel 2002 quando era oramai in disarmo, inizialmente con il desiderio di restaurarla e trasformarla in panfilo di lusso da affittare a diportisti. In seguito, cambiata opinione, venne deciso di affondarla e sfruttarla come destinazione subacquea, puntando alla promozione di questa tipologia di turismo come nuova opportunità di sviluppo per la Croazia. Superati alcuni ostacoli burocratici e ottenuti i permessi dal comune di Medulin, il 22 maggio 2016, nel corso di una spettacolare e scenografica operazione di scuttling, https://www.scubaportal.it/affondamento-volontario-dei-relitti.html, la motonave è stata affondata al largo di Pola, nella baia di Polje di fronte a capo Promontore, su un fondale di 32 metri, per farla diventare meta di escursioni subacquee.

L’articolo completo è su Scubazone n. 43

Lascia una risposta


*