Le navi Sea Shepherd attaccate dalla flotta giapponese

pubblicato in: featured, News | 0

La Bob Barker è stata speronata da una nave arpionatrice della flotta baleniera giapponese, la Yushin Maru n. 3 mentre la nave baleniera incrociava la prua della nave di Sea Shepherd.

130226023450-japan-whalingy

L’incidente è avvenuto durante un attacco da parte delle tre navi arpionatrici della flotta baleniera giapponese, la Yushin Maru, la Yushin Maru n. 2 e la Yushin Maru n. 3, contro le navi di Sea Shepherd, la Steve Irwin e la Bob Barker.

L’assalto è un tentativo per far allontanare le navi di Sea Shepherd dalla loro attuale posizione che blocca lo scivolo di carico della Nisshin Maru ed impedisce ai balenieri di trasferire sulla nave fattoria le balene uccise illegalmente nel Santuario dei Cetacei in Oceano del Sud.

Prima di questo scontro, il Capitano della Bob Barker, Peter Hammarstedt, ed il Capitano della Steve Irwin, Siddarth Chakravarty, erano riusciti ad uscire dal prepotente campo d’azione delle navi arpionatrici, evitando per poco numerose potenziali collisioni mentre le navi si muovevano in circolo, passando attraverso ed intorno alle navi di Sea Shepherd.

Le navi baleniere hanno anche tentato più volte di danneggiare le eliche delle navi di Sea Shepherd trascinando un cavo d’acciaio davanti alla prua delle navi ambientaliste.

Inoltre, l’equipaggio delle navi baleniere ha gettato proiettili contro l’equipaggio sul gommone della Steve Irwin e diretto i cannoni ad acqua sull’equipaggio a bordo del gommone della Bob Barker, mentre tentava di tagliare il cavo d’acciaio.

E’ stato un Gennaio disastroso per le operazioni illegali della flotta baleniera giapponese.

L’intercettazione precoce e un inseguimento costante hanno permesso alla flotta di Sea Shepherd di sospendere in modo efficace le operazioni di caccia e hanno consentito alla flotta di prendere posizione e bloccare lo scivolo di carico della Nisshin Maru.

La media giornaliera di uccisioni dei balenieri, in condizioni favorevoli, si aggira intorno alle 25 balene, Sea Shepherd stima che il proprio intervento durante Operazione Relentless abbia finora salvato la vita di circa 350 balene.

Lascia una risposta


*