Nella Miniera sommersa di Kӧbánya

pubblicato in: News | 0

Eccoci al secondo appuntamento in cui vi racconto delle particolarissime immersioni che ho avuto occasione di effettuare, l’inverno appena passato, nella sontuosa città di Budapest.

Per chi non avesse letto l’articolo precedente, ricapitolando molto brevemente, informo che lì descrivo il mio primo giorno di esplorazioni subacquee all’interno della spettacolare Molnàr Jànos, la grotta sommersa con acqua termale più grande d’Europa.

Per il secondo giorno, bello motivato mi presento al punto di ritrovo, che è sempre presso il diving center di Molnár János, per partire alla volta della Miniera sommersa di Kӧbánya.

kobanya

Come prima operazione, ad ogni subacqueo viene assegnata una carriola da muratore per spostare la propria cassa, il bibombola ed eventuali decompressive, dall’interno del centro – ricordo che il diving altro non è che una galleria bella lunga, tanto che gli istruttori vi si spostano in… monopattino! – al parcheggio esterno, dove carichiamo sui loro mezzi. Dopo di che partiamo in direzione della miniera con un tragitto in auto che dura circa 25-30 min.

Situata nella parte sud orientale di Pest, la miniera di Kӧbánya prende il nome dal distretto in cui si trova, che oggi è uno dei più estesi e popolosi della città. All’epoca dell’avvio delle estrazioni era invece in posizione periferica e idonea ad attività industriali. Nata nell’Ottocento come cava di roccia calcarea, con cui furono costruiti la maggior parte dei palazzi della capitale, nel 1890, dopo che alcune parti si allagarono a causa dei lavori di estrazione, cadde in disuso. Diversi suoi spazi furono nel tempo reimpiegati, alcuni ad esempio in celle vinicole, data la notevole concentrazione di vigneti che erano stati impiantati nel distretto, e alcune strutture furono acquistate e riconvertite in birrificio dalla Dreher, che in parte le possiede ancora oggi, dopo aver scoperto che l’acqua lì presente aveva delle proprietà particolarmente idonee per la produzione della birra.

Il racconto completo è su Scubazone 39

Lascia una risposta


*