Paolyn Houseboats, Coron Island, Palawan, Filippine

pubblicato in: News | 0

L’Apnea è un modo divertente e naturale per immergersi in totale libertà nel nostro amato mare e che ci permette, in un solo respiro, di esplorare, incontrare e diventare parte della vita dell’oceano.

Mete Subacque presenta un’offerta dedicata ai “viaggi apnea” rivolta ad apneisti, aspiranti apneisti e accompagnatori amanti del mare e dei fondali marini, proponendo viaggi in luoghi veramente autentici, per individuali e gruppi con l’assistenza di istruttori certificati. Un’offerta completa dove relax, sport e formazione si uniscono per trasformare il viaggio in una incredibile e indimenticabile esperienza nei mari più belli del mondo.

paolyn

Elena, questa nuova destinazione sembra davvero un sogno, ci vuoi introdurre tu questa tua ultima scoperta?

Sì, sembra davvero un sogno. Al mondo ci sono molti paradisi perduti ma una delle particolarità di questa incredibile realtà è il fatto che disti solo due ore da Manila! Nonostante ciò sembra di essere in un’atmosfera da film (molti degli ospiti la paragonano a Jurassic Park). Siamo all’interno di un parco naturale, riserva marina e patrimonio Unesco. Si tratta di due casebarche di recente costruzione (dicembre 2017 e aprile 2018) totalmente ecocompatibili che si trovano in una posizione eccezionale in una laguna privata protetta da 360 gradi anche grazie ad un bel coral reef che la circonda dove gli ospiti possono fare snorkeling semplicemente tuffandosi.

Conosciuta come “Laguna Blu”, è ubicata nell’isola calcarea di Coron, circondata da acque incontaminate, distante pochi metri dalle Twin Lagoons , e dai famosi laghi di acqua dolce Kayangan e Barracuda Lake e a 20/30 minuti di barca da Coron Town. L’isola di Coron non è da confondere con la città di Coron, che si trova sull’isola di Busuanga ed è il porto di imbarco per coloro che vogliono visitare con escursioni giornaliere l’isola. Coron isola è la principale attrazione di tutta l’aerea con i relitti giapponesi risalenti alla seconda guerra mondiale.

L’articolo completo è su Scubazone n. 43

Lascia una risposta


*