Pipì nella muta

pubblicato in: Blog | 4

La maggior parte dei sub sente il bisogno di urinare durante le proprie immersioni e solo in pochi ammettono di lasciarsi andare facendo pipì nella muta. Non è un tabù, sappiamo che questa è una reazione fisiologica naturale causata sia dal freddo sia dall’assenza di gravità.

Quando ci si tuffa in acque con temperature inferiori a quelle corporee, ovvero sempre, il nostro corpo cerca di ridurre la dispersione di calore spingendo il sangue verso gli organi vitali, il cuore per primo ma anche gli altri. Questo spinge i reni ad aumentare la produzione di urina e più l’acqua è fredda, più questo fenomeno si accelera.

Al mare ok ma se questo bisogno nasce in piscina? beh, forse è meglio uscire un attimo per evitare che l’acqua si colori di rosso, come ci hanno sempre detto da bambini (almeno a loro continuiamo a farlo credere per il nostro bene!).

Se dunque è un fenomeno fisiologico, assolutamente naturale, non c’è motivo alcuno di imbarazzo.

Personalmente non ho mai urinato nelle mie mute. Non lo dico per evitare di vergognarmi (non lo farei comunque) ma semplicemente sono sempre riuscito a trattenermi anche nelle immersioni più lunghe, oltre le 2 ore e solo poche volte ho preferito interrompere  qualche minuto prima per evitare di farlo. Naturalmente prima di ogni tuffo faccio un
salto anche in toilette, non bevo caffè e mi vesto bene. Poco mi importa se altri lo fanno, ho la mia attrezzatura e quella uso sempre.

Gli amici mi chiedono spesso cosa acquistare come primi pezzi della propria attrezzatura.

Ora sanno perchè consiglio sempre di cominciare dalla muta e… dall’erogatore, ma questo è un altro film!

 

Voi cosa fate?

 

4 Risposte

  1. Massimo Boyer
    |

    Io cerco di non farla, ma non posso dire di non averla mai fatta. Con l’eta’ che avanza e la prostata che si ingrossa la resistenza diminuisce, tenerla per due ore in acqua fredda e’ diventata utopia. Comunque basterebbe una lampo in posizione strategica… costruttori…

  2. nicola bombardini
    |

    Per quel che concerne l’impellente bisogno devo dire la verita; io con le mute umide l’ho sempre fatta e, con un buon risciacquo, non succede proprio nulla. Altro discorso con la stagna. Che fare ?
    Ho risolto, con notevole imbarazzo all’acquisto, con pannoloni per adulti incontinenti. Avete capito benissimo, quelli, con tanto di elastici laterali e fascette adesive. Si indossano facilmente, non si vedono sotto il lupetto e il problema è risolto. Si esce asciutti….. e non è poco. Spesaper 10 pz. circa 12 euro.
    nicola

  3. Ermanno
    |

    d’estate si evita facilmente, anche perchè il profumino post immersione non è piacevole; d’inverno il freddo ed il piacere del teporino prodotto dall’urina, è una grande tentazione a cui facilmente si cede.

  4. Davide
    |

    Personalmente se non e’ una stagna ,io la faccio quasi sempre , quando eravamo nel “PANCIONE” ,non avevamo paura di bagnarci….E poi l’acqua lava via tutto!!!Coraggio non e’ un disonore!!

Lascia una risposta


*