Scubazone n. 28

pubblicato in: featured, Magazine | 0

ScubaZone: il magazine di subacquea e lifestyle. 

cover28

Scubazone n. 28 è disponibile in versione pdf, per il momento in anteprima riservata ai possessori di divercard, da scaricare e salvare sul vostro computer/tablet, per leggerlo con calma quando vorrete.

Buona lettura a tutti!

 

Sommario del numero 28

  • from the desk. La profonda crisi della subacquea di Marco Daturi
  • bio: Bleaching, storia di un cambiamento di Massimo Boyer
  • bio: Coralli e gorgonie del Mediterraneo: regressione inarrestabile di Francesco Turano
  • bio: Bleaching, report dall’atollo di Ari di Enrico Montalbetti, Camilla Maggi, Lucio Ciappesoni
  • dive destinations: Tra le nuvole di sardine di Moalboal di Cristina Ferrari e Luigi Del Corona
  • dive destinations: Triton Bay, il paese delle meraviglie di Thomas Haider
  • immersioni: Bambini e immersioni di Ornella Ditel
  • immersioni: Pillole di shark diving II di Fabrizio Gioelli
  • travelzone: Nosytour shark expedition project
  • travelzone: Il fascino delle isole di Socorro e Guadalupe con la flotta Nautilus Explorer 
  • news: Dal telecontrollo al QR code di Francesca Frisone
  • news: My Shot 2016, più di un concorso di fotografia
  • news: Genova Dive Show 2016 di Marco Daturi
  • apnea: Intervista a Kate Middleton di Marco Daturi
  • safari fotosub: Tecniche di safari fotosub di Gianpiero Liguori
  • UWP – underwater photographers: Sergio Riccardo di Giorgio Cavallaro
  • legal zone: La certificazione medica necessaria allo svolgimento di attività subacquea  di Francesca Zambonin
  • health zone: In trappola nel kelp di Brittany Trout
  • attrezzatura: Tribord per la subacquea di Massimo Boyer
  • attrezzatura: Scubaportal Marketplace
  • diving center: Mister Jump,Ustica di Alessandro Ruju
  • book zone: Come è profondo il mare di Massimo Boyer
  • comics zone: N.D.D. di Beatrice Mantovani

Consigli: se scaricate il file su computer vi consigliamo di salvarlo sul Desktop. Potete cliccare col tasto destro e poi salvare l’oggetto. In alternativa cliccate il link e salvatelo dopo. Se invece state utilizzando un tablet vi consigliamo l’apertura con iBook o programma simile. Altri consigli

Lascia una risposta


*